Giardini del Massimo: la rinascita del Cafè del teatro, aperto a tutti - Giardini del Massimo
FOLLOW:

Giardini del Massimo

Giardini del Massimo: la rinascita del Cafè del teatro, aperto a tutti

Quello di Giardini del Massimo è un progetto che parte dalla vera essenza del Teatro Massimo, quella di un luogo di cultura, di unione, di convivialità aperto non solo agli amanti del teatro, ma a tutti i cittadini e a tutti i turisti che desiderano vivere appieno uno dei magneti culturali più importanti della città.

Non tutti sanno, infatti, che l’area ristoro del Teatro non è nuova a prestarsi a luogo di raccolta per eventi aggreganti, soprattutto di stampo culturale. Sin dalla sua fondazione, infatti, Giovan Battista Filippo Basile, l’architetto che progettò e seguì fino alla sua morte i lavori di costruzione del Teatro, vedeva in questo nuovo edificio la possibilità di trasformare Palermo in un polo d’attrazione per ogni tipo di arte, dal teatro alla pittura, dalla scrittura alla filosofia. Lo stesso principio fu seguito dal figlio Ernesto Basile, che completò l’opera di realizzazione del Teatro, dando alla città uno spazio di aggregazione culturale senza precedenti.

Negli anni, il Teatro Massimo ha ospitato poeti, pensatori, artisti provenienti da ogni parte d’Europa, che si ritrovavano nel Cafè Letterario della Palermo bene degli anni ’20, in uno scenario architettonico che decantava di per sé grande bellezza grazie allo stile Liberty delle decorazioni. Dopo le guerre mondiali, il Teatro Massimo divenne la sede del Circolo della Stampa, riunendo ancora una volta alcuni degli intellettuali più significativi per l’epoca.

In questo contesto, e da questa ispirazione, nasce l’idea di eliminare le barriere invisibili che tengono i cittadini “lontani” dal Massimo, guardandolo dall’esterno come un luogo sontuoso, maestoso, inarrivabile, da visitare in occasioni speciali senza viverlo quotidianamente. È proprio l’inarrivabilità che vogliamo scardinare, aprendo fisicamente le porte del teatro attraverso l’ingresso ai Giardini del Massimo.

Giardini del Massimo: l’opera di riqualificazione

Il Teatro Massimo è uno dei pochi teatri al mondo a godere di un ampio spazio esterno. Proprio questo spazio è diventato il cardine dell’opera di riqualificazione, con delle modifiche strutturali, architettoniche ed estetiche che hanno allargato la superficie vivibile proiettandola verso Piazza Verdi. La parte esterna del Teatro, denominata Giardini, ospita elementi decorativi che richiamano alla natura e allo stile Liberty, a partire dalle Foglie, installazioni architettoniche in materiale termoisolante che fungono da copertura per sedie e tavoli. Così, anche nelle torride giornate estive palermitane, si potrà sorseggiare un buon caffè a colazione, un pranzo con i colleghi, un aperitivo al tramonto o una cena in compagnia, con lo sguardo sempre rivolto al prospetto del teatro.

All’interno, l’opera di ristrutturazione ha riguardato la buvette del teatro, rinominata Sala delle Volte, e la già presente Sala dei Dipinti. La prima riprende lo stile Liberty degli anni ’20, con colori che richiamano alla natura ed elementi decorativi in ottone. La sala può ospitare oltre cento persone, ed è ideale per organizzare eventi privati ed eventi aziendali, dai matrimoni alle feste di laurea, dai convegni alle presentazioni di libri, mostre e vernissage. La Sala dei Dipinti, con il suo stile intimo ed elegante, è perfetta per degustare una cena gourmet raffinata preparata dalle abili mani del nostro chef.

Oltre alla ristorazione e allo spazio per eventi, Giardini del Massimo coordina le attività del bookshop, situato all’interno della biglietteria del Teatro. All’interno del bookshop è possibile trovare libri, gadget, preparati culinari che ripercorrono la storia della Sicilia e del teatro stesso.

Giardini del Massimo: gli spazi

Post a Comment

Questo sito Web utilizza i cookie per offrirti l'esperienza più pertinente ricordando le tue preferenze e ripetendo le visite. Cliccando su "Accetta", acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy